Annate

Annata 2021  

Dopo un inverno caratterizzato da nevicate molto copiose, la primavera è iniziata con un lungo periodo eccezionalmente secco. In marzo e aprile, le temperature basse hanno fatto ritardare di molto la germogliatura, proteggendo in questo modo i nostri vigneti dai danni rilevanti che altrimenti avrebbero subito a causa delle numerose gelate notturne di aprile. In compenso, il clima fresco e piovoso di maggio ha favorito una buona idratazione dei terreni. Nei vigneti più precoci ed esposti al sole, la fioritura delle viti è iniziata tra la fine di maggio e i primi di giugno, vale a dire con circa due settimane di ritardo rispetto alle medie di lungo periodo. Il mese di giugno è stato segnato da temperature assai elevate e da precipitazioni scarse, riducendo così al minimo il rischio delle infestazioni fungine. Di tutt’altro segno, invece, sono stati luglio e la prima metà di agosto, con piogge e temporali assai frequenti, ma proprio per questo le temperature, in agosto, non sono state torride, favorendo lo sviluppo di note fruttate negli acini e di una buona acidità nei vini dell’annata 2021.

Negli impianti a maturazione più precoce la vendemmia è iniziata il 6 settembre, un po’ più tardi rispetto alle annate precedenti, e fino all’ultimo è stata accompagnata da condizioni atmosferiche molto buone.

Le rese sono state leggermente minori che in passato, ma fin dall’inizio della vendemmia si è visto che il 2021 promette di diventare un’annata molto interessante.

Temperatura
11,5°C
vendemmia
06 settembre 2021
Pioggia
769,7 mm
Ore di sole
2.114 h
white_wine.jpg

I vini bianchi

I vini bianchi del 2021 spiccano con note fruttate decise e rispecchiano le peculiarità della loro annata, con un’acidità molto gradevole. Sono dei bianchi ben strutturati, ma eleganti, e fanno intravedere un’annata dal potenziale assai promettente, soprattutto per quanto riguarda il vitigno Sauvignon blanc.

red_wine.jpg

I vini rossi

Tra i rossi spiccano per qualità i vitigni a maturazione più precoce, come il Pinot nero e il Lagrein, che sfoggiando una colorazione intensa, tannini maturi e raffinati, e una corposità sostenuta ma equilibrata, hanno le carte in regola per fare del 2021 un’annata ottima.