Libro

Un libro per chi ama il vino e la vita, una dichiarazione d’amore ai vini di Terlano.

 

“Il vino ha una memoria strabiliante, ricorda le mattinate rigide in cui la brina ricopriva ancora l’erba, i concerti delle cicale che allietavano i pomeriggi torridi estivi, i colori cangianti dell’autunno, ed anche i raggi di sole che, dopo un temporale, tornavano a far capolino dietro le nuvole. Da una stagione all’altra, ogni giornata è diversa, e lascia un’impronta che gli acini si portano appresso fin dentro i calici che ne custodiscono la storia.”. Con queste parole si apre uno dei dieci capitoli del libro.

Questo prestigioso volume illustra il terroir di Terlano, svelando la filosofia dei suoi vini, fatta di tradizione, individualità e longevità. Udo Bernhart, genio dell’obiettivo, col suo spiccato senso del particolare è riuscito a ritrarre le caratteristiche che rendono inimitabili i vini di Terlano: l’unicità dei vigneti, adagiati su pendii ripidi e soleggiati che arrivano fino a 900 metri di quota, ma anche il lavoro dell’uomo tra i filari e la maturazione dei vini in cantina.

I testi che accompagnano le fotografie, scritti da Karin Bernhar e pregni di riflessioni filosofiche, hanno il pregio di ridurre la complessità all’essenziale, ai fattori che fanno grande un vino: la terra, il sole, il tempo e l’uomo, senza il quale il vino non esisterebbe. Eva Ploner, autrice di pubblicazioni sull’argomento, ha aggiunto una serie d’informazioni sul vino, oltre ad aver coordinato il progetto editoriale e le pubbliche relazioni.

Il volume illustrato sulla cantina di Terlano abbraccia 200 pagine ed è redatto in tre lingue: italiano, tedesco e inglese.

Fotografie