2018 - Falstaff

Die Kellerei Terlan hat von jeher einen hervorragenden Ruf für ihre langlebigen Weißweine.

Die Gewächse aus Terlan starten langsam, brauchen etwas länger Zeit sich zu entwickeln, sind dann aber komplex und eigenständig. In der Schatzkammer ...

Read all

2017 - Robert Parker's Wine Advocate

Read all

2018 - James Suckling

Read all

2018 - Robert Parker's Wine Advocate

"I enjoyed a very special afternoon with winemaker Rudi Kofler visiting the extreme vineyard sites above the town of Terlano, located halfway between Bolzano and Merano along the Adige River valley. The Vorberg vineyards are planted at near vertical inclines ...

Read all

2018 - Robert Parker's Wine Advocate

"I enjoyed a very special afternoon with winemaker Rudi Kofler visiting the extreme vineyard sites above the town of Terlano, located halfway between Bolzano and Merano along the Adige River valley. The Vorberg vineyards are planted at near vertical inclines ...

Read all
Le guide de L'Espresso

More years

  1. 2018
  2. 2017
  3. 2015
  4. 2014
  5. 2013
  6. 2012
  7. ....

2013 - Le guide de L'Espresso

I terreni vulcanici della zona, ricchi di minerali, conferiscono ai vini della zona di Terlano una "grinta" e una sapidità del tutto particolari. Caratterisctiche pienamente valorizzate dalla cantina omonima: a Terlano i bianchi si fanno per durare anni in bottiglia e per affinarsi con la maturazione nel tempo. Un arco evolutivo che può coprire diversi decenni. La fama conquistata da questa cantina è tale, in Italia e all'estero, da costringere il critico a uno sforzo supplementare di obiettività: i vini sono sempre e comunque prodotti di altissimo livello? La risposta è no. E per fortuna. Nessuno è infallibile, e neppure a Terlano si è immuni da qualche sbavatura qua e là. Il 2011 del bianco più tipico della casa, il Terlano "base", è meno reattivo e saporito del solito, e ancora più sfocato appare da giovane il Pinot Bianco della stessa annata. Allo stesso modo risulta molto opaco il Nova Domus 2009, appesantito da una dolcezza eccessiva. Un impeccabile Chardonnay 1999 e la nuova, magnifica annata di Quarz pensano tuttavia a tenere alto il nome della firma.

  • Pinot Bianco 2002 '99

    profumi eleganti, complessi, giocati tra le note terziarie di tartufi e sentori più freschi di erbe alpine, ginestra, agrumi: palato di grande portamento, intenso, equilibrato, molto sapido
  • Quarz '10

    intriganti riflessi aromatici tra il balsamico, lo speziato e il fruttato maturo, palato giocato sulle sfumature, sottile, infiltrante, non esplicito, molto pieno e appagante nel lungo finale
  • Lunare '10

    molto intenso nel colore e all'olfatto, più potente che sfumato al gusto, deciso, grintoso, sapido, davvero persistente
  • Vorberg '09

    profumi di litchi e melone bianco, dolce e diffusivo, ampio, piacevolissimo, più "rilassato" che di grande tensione gustativa
  • Winkl '11

    sottile, puro, ricordi di erbe aromatiche, bella "lama" di minaralità, ampio, deciso: vino serio, ricco di personalità
  • Porphyr '09

    molto succoso e reattivo, davvero piacevole, fresco, speziato, ha contrasto e rilancia in modo convincente nel finale
  • Siemegg '09

  • Lagrein '11

  • Monticol '09

  • Santa Maddalena '11

  • Chardonnay '11

  • Gewürztraminer '11

  • Gries '09

  • Kreuth '10

  • Terlaner Cuvée '11

  • Nova Domus '09