2018 - James Suckling

Read all

2017 - Robert Parker's Wine Advocate

Read all

2018 - James Suckling

Read all

2018 - Robert Parker's Wine Advocate

"I enjoyed a very special afternoon with winemaker Rudi Kofler visiting the extreme vineyard sites above the town of Terlano, located halfway between Bolzano and Merano along the Adige River valley. The Vorberg vineyards are planted at near vertical inclines ...

Read all

2018 - Robert Parker's Wine Advocate

"I enjoyed a very special afternoon with winemaker Rudi Kofler visiting the extreme vineyard sites above the town of Terlano, located halfway between Bolzano and Merano along the Adige River valley. The Vorberg vineyards are planted at near vertical inclines ...

Read all

2016 - Bibenda

La Cantina Terlano ha contribuito al raggiungimento di standard qualitativi inesplorati nel mondo del vino italiano, emblema di un meccanismo cooperativo inverosimilmente perfetto e interprete, insieme a pochi altri, di un neo rinascimento vitivinicolo che è effetto di un serrato lavoro fatto di continui perfezionamenti produttivi e di una filosofia poco propensa a compromessi commerciali. Ma tali risultati sono anche frutto di un “parco vigne” straordinario ed eterogeneo, che permette ad ogni singola varietà di trovare l’ubicazione più idonea; una cultura del “cru” maturata con decenni di esperienza. I risultati sono oggettivi, una sfilata di etichette che distillano le principali virtù attribuibili ad un vino: carisma, rigore, territorialità, bontà.

  • Chardonnay 2003 '03

    Paglierino acceso. Nitide note di frutta a polpa bianca, mandorle, agrumi e lieviti in lisi. Attacco morbido e rotondo, poi sviluppa un gradevole finale sapido che ricalca gli aromi. Acciaio.
  • Terlaner I Grande Cuvée 2012 '12

    Fulgido paglierino. Profilo aromatico sobrio e aristocratico, giocato su mela golden, mughetto, bergamotto, lime e cangianti slanci minerali. Impostazione al palato analoga: è compatto e cremoso nelle prime battute ma presto si scatenano inequivocabile freschezza agrumata e sapidità minerale, quasi piccante, a tenere saldi gli equilibri. Lavorato in botte grande.
  • Quarz '13

    Paglierino-oro. Schiude aromi di litchi, cedro, lime, erba cedrina, salgemma e toni minerali-salmastri tutt’altro che sussurrati. Assaggio caldo, strutturato, tenuto in tensione dalla sferzante verve acido-sapida. Maturazione fra acciaio, botte grande e tonneau.
  • Porphyr '12

    Impenetrabile tonalità purpurea. Dirette le note di cassis, cioccolata fondente, succo di mirtilli, liquirizia, wasabi e ginepro. Assaggio improntato sulla generosità estrattiva tipica del vitigno, ma in seconda battuta il brio acido alleggerisce il quadro. 18 mesi in barrique.
  • Monticol '12

    Granato tenue. La parata aromatica è rappresentata da confetture di ribes e lamponi, geranio, muschio e tamarindo. Sorso fresco e leggiadro ma rotondo, con dote tannica appena percettibile e ammaliante eco di fiori e frutti di rovo. Barrique e botte grande per un anno.
  • Lunare '13

    Tonalità oro brillante. Si captano fragranze di lavanda, pesca, rosmarino e sambuco su un ricco bouquet agrumato. Bocca cremosa, di detonanti aromaticità e calore alcolico; insistente e molto sapida la persistenza. Inox e botte.
  • Kreuth '13

    Paglierino acceso. Dispensa fragranze di mela, kiwi, ananas, lime, fiori e salsedine. Affilato ma di buon corpo, solleticato da sapidità e da una traccia minerale. Botte.
  • Terlaner '14

    Mela, ananas, agrumi, erbe aromatiche e pungenti guizzi minerali. Veemente carica agrumata e tensione minerale caratterizzano il sorso. Acciaio.
  • Nova Domus '12

    Tonalità oro. Schiude ananas, pesca matura, gelsomino, legno di cedro e agrumi canditi. Strutturato, con dotazioni dure e morbide ben amalgamate; un tocco boisé in chiusura. Un anno fra tonneau e botte.
  • Pinot Bianco '14

    Paglierino-verdolino. Un brioso quadro di agrumi, mela e fiori alpini. In bocca è compatto e ricco, pur mantenendo scorrevolezza e brio. Inox.
  • Winkl '14

    Paglierino didattico. Note di cedro, pino mugo, mela verde, mughetto, una nota agliacea, poi tipici sentori minerali. Sapore acidulo, grintoso, che ripercorre, non troppo a lungo, la successione di agrumi e frutta acerba. Lavorato in acciaio.
  • Chardonnay '14

    Paglierino acceso. Nitide note di frutta a polpa bianca, mandorle, agrumi e lieviti in lisi. Attacco morbido e rotondo, poi sviluppa un gradevole finale sapido che ricalca gli aromi. Acciaio.